IMG_1439

Luca Arena presenta il suo nuovo volume fotografico “Á means river | Ísland” – venerdì 9 febbraio

Luca Arena ritorna a Spazio 32 per presentare il suo nuovo progetto, “Á means river | Ísland”, e l’omonimo volume che raccoglie le immagini con cui il fotografo spezzino prosegue la propria ricerca, legata al tema dei colori e alla loro percezione nel contesto ambientale, spostando l’obiettivo fotografico sull’Islanda, per rintracciare tra la maestosità dei paesaggi naturali la presenza dell’uomo, lungo le linee e geometrie di una finestra, un palazzo, una piscina.

Luca Arena (1988) è nato il primo giorno di primavera alle 9:30. È daltonico da 29 anni e ogni giorno cerca di farsene una ragione. Ha studiato economia e marketing presso l’Università di Pisa e nel tempo libero si dedica a viaggi e reportage fotografici. Nel 2016 la sua serie “Impersonalism: Tenerife” è stata esposta nell’ambito di On/Off, il progetto di Spazio 32 dedicato a idee e proposte di artisti del territorio. Ha all’attivo diverse mostre personali e collettive e i suoi lavori sono stati pubblicati su Domus, Objects, e-architect, Il Mitte e Totally Lost.

In occasione della presentazione sarà possibile acquistare il volume “Á means river | Ísland” grazie alla collaborazione con la Libreria LIBeRI TUTTI della Spezia.

Farà da cornice all’evento la mostra “55 metri quadri” del fotografo Nicolò Puppo, realizzata sempre nell’ambito del progetto On/Off e visitabile a Spazio 32 fino al 17 febbraio: 40 fotografie che offrono “un ritratto intimo, semplice, fatto di colori e piccoli sogni, gesti o parole di una canzone cantata come si vuole” delle persone con disabilità provenienti da quattro servizi gestiti dalla Cooperativa sociale Coopselios coinvolte in un progetto che per un’ora a settimana trasforma una sala riunioni in discoteca, e le persone, gli operatori e talvolta i parenti presenti in danzatori.

Comments:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *